fbpx


29 febbraio, una data che già di per sè è speciale, sarà oltremodo ricordata per essere la data nella quale per la prima volta si è svolta una prova di Coppa del Mondo di sci con un pubblico “selezionato”

Nel weekend del 29 febbraio-1° marzo la Coppa del Mondo 2020 di sci alpino infatti è sbarcata a La Thuile, nella località valdostana dove erano in programma un SuperG e una Combinata femminile (annullata poi a causa dell’intensa nevicata di sabato notte).

La Federazione Internazionale dello Sci (FIS) e quella Italiana (FISI) hanno deciso, insieme al Comitato Organizzatore, di confermare le due gare ma con le dovute accortezze visto l’allarme coronavirus: nel massimo interesse per la salvaguardia della salute pubblica, l’accesso alla zona di arrivo e alla finish area era consentito solo ed esclusivamente alle squadre accreditate, ai media e agli spettatori in possesso di biglietto di ingresso nominativo, non erano previsti spazi liberi destinati al pubblico.
Due file di transenne a 1,5m tra loro separavano la finish area dalla mixed zone.

La due giorni di Coppa del Mondo avrebbe richiamato almeno 20mila spettatori, secondo le stime degli organizzatori.

La festa è stata in tono minore, gli sponsor hanno annullato sette eventi collaterali, è rimasto solo il mega-igloo dell’EA7 Winter Tour.
Le atlete blindate in camera, nel vicino Planibel Hotel, quartier generale delle squadra, del comitato organizzatore e del media center.

Un plauso agli organizzatori che hanno reso possibile che l’evento avesse luogo, nulla hanno potuto contro il meteo ed i 50cm di neve fresca che hanno causato l’annullamento delle gare di domenica.

LA GARA

L’azzurra Federica Brignone manca la vittoria di un soffio nel Super-G di sabato (“non ho fatto la gara perfetta”) ma si consola con il primato sempre più solido nella classifica generale di coppa e con la conquista della coppa di specialità della combinata.

Una “sconfitta” che sa di vittoria, se si guarda alla nuova classifica assoluta: 153 punti di vantaggio sulla statunitense Shiffrin e 189 sulla slovacca Petra Vlhova. Con l’americana ancora assente, la slovacca (quarta in superG) che corre grazie alle infiltrazioni, e l’annullamento definitivo delle due gare (gigante e slalom) della prossima settimana in Germania rimangono sette gare al termine comprese le Finali di Cortina d’Ampezzo e lo sci azzurro è sempre più rosa.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST