fbpx
Usarci


Djokovic mette in cascina un altro slam e raggiunge Sampras
Non è riuscita a Del Potro l’impresa a distanza di nove anni dopo aver sconfitto Federer sul cemento di Flushing Meadows, nulla ha potuto contro lo strapotere di Novak Djokovic.

D’altronde anche i precedenti parlavano chiaro con Nole che conduceva negli scontri diretti per 14-4.

Per Nole si tratta della quarta finale a New York dopo le vittorie nel 2011 e nel 2015 e la sconfitta patita da Wawrinka nel 2016.

Il primo set sembra scivolare agilmente fin quando sul 4-3, Djokovic il serbo strappa il servizio all’avversario e sul 5-3 va a servire per il set. Tiene il servizio e si aggiudica in poco meno di mezz’ora il primo set.

Il secondo set subisce una svolta nel terzo gioco quando sull’uno pari Djokovic trasforma la prima palla break e va sul 2-1. A quel punto la partita sembra finita ma Del Potro ha uno scatto d’orgoglio e si riprende il break sul 3 pari. Il set si conclude giustamente al tie-break che vedrà prevalere Djokovic per 7 punti a 4.

Ormai Del Potro sembra scontare la fatica, mentre Djokovic rinfrancato dalla vittoria del tie-break sente la vittoria in pugno.

Trionfo che arriverà nel terzo set vinto da Djokovic per 6-3. Game set and match dopo 3 ore e 19 minuti di grande tennis.

Una finale a senso unico per il campione di Belgrado che raggiunge Sampras a quota 14 nella classifica assoluta degli Slam e si porta a tre lunghezze da Nadal che ne ha 17.

Finalmente Nole dopo questa finale ritrova se stesso, un’ottima condizione psico-fisica e il terzo posto nella classifica atp.

Buon tennis a tutti


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Peccati di gola

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST