fbpx
Usarci


Prima di Masterchef era conosciuto solo dai veri amanti della cucina a stelle, forchette e cappelli

dopo l’inizio del programma televisivo, che ha sdoganato l’amore per la cucina gourmet, è sempre comunque stato considerato il numero tre dei moschettieri Cracco, Bastianich e appunto Barbieri, eppure pochi sanno che Bruno è il più bravo!

Sarà per il carattere elegante e non troppo appariscente che da subito, agli occhi del grande pubblico, sono balzati il rude e sexy Cracco e l’esuberante e piacione Bastianich eppure a livello culinario Barbieri è, senza paura di essere contraddetti, uno degli chef internazionali più conosciuti e riconosciuti del settore.

Ebbene sì, lui è Mister 7 stelle!

Per questo motivo abbiamo deciso di raccontare la sua storia, la sua carriera, il suo percorso che l’ha visto “transitare” dalle navi da crociera fino ai primi successi, le stelle Michelin e la consacrazione del grande pubblico con masterchef.

Agli inizi del 1980 si “arruola” come terzo chef sulla nave da crociera Oceanic

Grazie a questa esperienza gira il mondo e scopre sapori che influenzeranno e continuano ad suggestionare la sua cucina, come ad esempio i gusti dell’America Latina, gli odori e contraddizioni dei caraibi e i sapori degli stati uniti.
La cucina di Chef Barbieri, infatti, sa di mondo, una commistione scientifica di tradizione e viaggio, di casa e di culture differenti, forse contrasti difficili da domare eppure qualcuno ci è riuscito e continua a farlo molto bene.

Tornato in Emilia Romagna

approda al Suo primo grande successo, la Locanda Solarola, a Castelguelfo, dove per due anni di seguito riceve due stelle Michelin, ma la vera svolta si avrà qualche anno più tardi quando Barbieri incontra al Trigabolo di Argenta il suo unico maestro Igles Corelli! Il mix fra i due è spaziale e anche in questo caso l’idea di cucina di Barbieri ottiene due stelle Michelin. Il Trigabolo diventa leggenda e istituzione per tutta l’Emilia e punto riferimento per la cucina stellata di tutto il Mondo. Le stelle Michelin arrivano poco dopo anche a La Grotta di Brisighella, nel Ravennate, dove Barbieri approda a metà degli anni novanta.

L’amore per il mondo e per i viaggi però spingono Barbieri ad allontanarsi dalla sua terra

in un primo momento andando in Veneto, dove apre a San Pietro in Cariano il ristorante Arquade nell’Hotel Villa del Quar-Relais & Châteaux, mentre in un secondo momento approdando nel Regno Unito dove a Londra, al numero 50 di Oxford Street, inaugura Cotidie. Dopo appena un anno, però, i troppi impegni lo costringono a lasciare le redini di questo simbolo della cucina italiana d’eccellenza e il suo posto al timone a Marco Tozzi.

La fama, anche mediatica, cresce negli anni, e infatti Bruno comincia a scrivere e si avvicina al mondo della tv

È autore di numerosi libri tra cui “Squisitamente senza glutine”, “Polpette che passione!” “Tegami”, “Cipolle buone da far piangere” e “Ripieni di bontà”. Nel 2011, inoltre, arriva la fama anche col grande pubblico: insieme a Joe Bastianich e Carlo Cracco diventa una colonna portante del mondo Masterchef, inamovibile da ormai sette anni! La sua figura, pacata ma competente, severa ma mai sopra le righe lo porta ad essere tra i giudici anche dell’edizione di Masterchef dedicata ai più piccoli Junior Masterchef Italia.

Dopo il successo televisivo però la passione per la cucina e la voglia di far innamorare attraverso i suoi piatti prende il sopravvento e Bruno nel 2016 apre a Bologna un nuovo bistrot, Fourghetti.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST