fbpx
Usarci


La redazione di ElectoMag è recentemente andata a “provare” Fourghetti, la nuova locanda bolognese made in Chef Barbieri

Barbieri stesso definisce Fourghetti come “una locanda, una casa aperta a tutti i suoi ospiti. Cinque camere essenziali, studiate nei minimi dettagli per fornire agli ospiti un’esperienza nel bello e sentirsi a proprio agio”.

Di certo non possiamo che avallare tale descrizione perché in effetti questo nuovo ristorante non vuole apparire come il classico, perfetto, ineccepibile, a volte glaciale ristorante che ambisce alla “stella”, bensì una locanda chic.

Molti critici o presunti tali hanno definito il Fourghetti “un poco riuscito tentativo di ripercorrere i fasti del Trigabolo” o ancora “un ristorante non all’altezza della fama, poco convincente nell’offerta gastronomica e mediamente più caro di quanto ci si aspetterebbe”.
Noi non siamo per nulla d’accordo con tali recensioni, a nostro avviso figlie del voler apparire forzatamente controcorrente, perché forse è più facile affermare che uno chef “famoso” delude piuttosto che banalmente affermare ciò che molti si aspettano, ossia che in un ristorante di uno degli chef più famosi al mondo si mangia da Dio!
Noi vogliamo essere banali e affermiamo con grande convinzione, senza alcuna velleità di “lavare la faccia” a Barbieri o fare marchette, che da Fourghetti si mangia davvero bene, in un ambiente confortevole e estremamente “caloroso” , ad un costo corretto o comunque poco di più.

Forse questo “amore” incontrollabile per la cucina, dove ormai tutti si sentono critici culinari ovvero grandi conoscitori di tutti i vini prodotti e producibili nel mondo, impone con estrema moda la caccia alla critica incondizionata, magari immotivata, ma comunque critica.

Noi non possiamo, invece, che parlarne bene

i locali sono semplici ma curati, nulla di appariscente ma tutto estremamente ricercato, stupende le luminarie e la mise en place è essenziale ma di certo non banale. Un occhio attento nota subito il grande lavoro architettonico e di design che v’è dietro al nuovo locale bolognese di Barbieri che però ha il precipuo obiettivo di non ammaliare perché il vero protagonista deve essere altro: lo spettacolo che esce dalla cucina!

Stupendo è il Bar-Bieri

non un errore grafico, ma una divertente denominazione della fornitissima zona bar: da provare!

Il servizio

a cena è preciso, di alto livello, senza però essere ingessato e eccessivamente pretenzioso, l’ambiente è caldo e conviviale come in una vera locanda.

Il menù

è certamente Barbieri, un mix fra cultura nostrana e innovazione, gusti e sapori che non vengono annegati dall’ossessiva perfezione nella presentazione dei piatti; non possono mancare i tortellini, già proprio i “turtlen” bolognesi chiusi con il mignolo, un’esperienza pazzesca, assolutamente da provare, riordinarli e poi… iniziare di nuovo.

La cantina

è ovviamente fornitissima e i prezzi sono corretti e bilanciati con il resto del menù.

In conclusione arriviamo alle note dolenti: il prezzo! Vi aspettereste un “prezzo folle” e invece anche qui il Barbieri ci prende in contropiede; i prezzi sono corretti, certo leggermente “pompati” ma questo si chiama effetto Masterchef (anche perché sennò come giustifichereste due/tre mesi di attesa per la prenotazione?). Pensate che in quattro, due portate a testa, quattro dessert e due bottiglie di vino abbiamo speso € 75,00 a testa.
Certo un prezzo non da locanda tradizionale con le tovaglie a quadratini bianco e rosso ma di certo non da ristorante stellato… insomma un prezzo corretto per Fourghetti ossia una locanda stellata di uno chef giramondo.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST