fbpx


Piuttosto adrenalinico e inquietante.

Queste le prime impressioni che mi sono venute in mente testando “Those Who Remain”, l’avventura grafica horror in prima persona sviluppata da Camel101 (https://camel101.com/wp) – dei fratelli Bruno e Riccardo Cesteiro – e editata da Wired Productions (https://www.wiredproductions.com) e disponibile per XBOX One, PS4 e per PC.

L’atmosfera è quella delle migliori serie tv del mistero. Una via di mezzo fra “Stranger Things” e “Twin Peaks”.

E’ notte e vi troverete a impersonare Edward che, ubriaco, è tormentato dai suoi pensieri, in quanto vuole porre fine a una relazione clandestina. Eduard ha infatti una splendida moglie e una bambina meravigliosa, che non vuole perdere per una relazione priva di importanza.

Edward esce quindi di casa, intenzionato a incontrare la sua amante, Diane, per parlarle e chiudere definitivamente ogni rapporto ma, una volta giunto nel luogo dell’appuntamento – presso il Golden Oak Motel – si rende conto che non c’è nessuno.

Vi sono solo messaggi, qua e là, di persone scomparse nel nulla. E una voce nel buio, stridula, la quale lo invita a…rimanere alla luce.
Nel buio, infatti, vi sono delle strane creature armate di machete. Di costoro si possono notare solo i contorni e gli occhi bianchi… Edward non dovrà mai andare nel buio, se non vorrà essere ucciso e, per sfuggire alle creature celate nelle tenebre, dovrà trovare fonti di luce. Solo così gli esseri scompariranno…

Nei panni di Edward dovrete quindi addentrarvi nella città di Dormont, ormai una città fantasma, e scoprire dove sono scomparsi tutti quanti. Incontrerete altre creature e, esplorando la città, scoprirete che esistono dei portali lunimosi che vi condurranno in un mondo parallelo e onirico. Un mondo che è la stessa copia del mondo reale, ma astratto, distorto, come un quadro di Salvador Dalì, dove ogni elemento del mondo reale non è affatto al suo posto….

Chi è Annika, la ragazzina uccisa a 13 anni, che vi apparirà – come un fantasma – nel corso della vostra avventura? Chi l’ha uccisa?
Questo e altri misteri vi si presenteranno nel cammino. Così come, nel corso del vostro cammino, dovrete decidere se perdonare o condannare le persone che si sono macchiate di diversi crimini e, oltre a ciò, mano a mano che procederete, dovrete evitare di essere uccisi dalle creature che vi impediranno di avanzare nelle ricerche.

Riuscirete a sopravvivere alla più inquetante delle vostre notti?
Per poterlo fare vi troverete non solo a dover risolvere rompicapi e misteri, ma anche a prendere quelle decisioni morali che potrebbero cambiare il corso della vostra avventura.
“Those Who Remain” è un horror psicologico, una storia adrenalinica, misteriosa, ma anche profondamente umana, che esplora temi quali la famiglia, gli errori e le perdite.

E’ una avventura grafica in prima persona nella quale vi sembrerà davvero di rivivere gli orrori di Dormont, con una ambientazione da serie tv al cardiopalma.
Ho avuto il piacere, peraltro, di intervistare gli sviluppatori della Camel101, ovvero fratelli Bruno e Riccardo Cesteiro, al fine di approfondire meglio il gioco e che cosa li ha ispirati nel realizzarlo.

Cosa vi ha ispirato nella realizzazione di “Those Who Remain” ? Un particolare evento? Una serie tv?

Ci sono, in realtà, diverse ispirazioni dietro a “Those Who Remain”. Volevamo realizzare qualcosa stile horror all’americana, con una trama significativa e dei personaggi profondi. Qualcosa che sarebbe rimasto nella mente dei giocatori molto tempo dopo aver terminato il gioco.

Quindi, quando abbiamo creato questo mondo, e in particolare Dormont, la città in cui si svolge l’azione, abbiamo studiato molto cose come “Twin Peaks”, la serie televisiva di David Lynch. Dormont è simile a Twin Peaks, sembra anche un luogo calmo e pacifico dove non succede mai nulla, ma in realtà ospita segreti oscuri e brutte verità. Siamo grandi fan del lavoro di David Lynch e del modo in cui mescola casualmente le cose di ogni giorno con la più folle follia surreale e abbiamo cercato di farlo anche qui.
Ci siamo anche ispirati a “Stranger Things”. Quando stavamo progettando il gioco e le sue meccaniche, stavamo giocando con l’idea di portali e mondi diversi. Poi è arrivato “Stranger Things” con il suo “Upside Down” e abbiamo pensato: che bella idea. Quindi, abbiamo creato la nostra realtà alternativa a Dormont, dove le cose che accadono in una dimensione, influenzano direttamente l’altra.


C’è anche un po’ di John Carpenter in “Those Who Remain”. Le creature ombra in piedi nel buio ricordano molto i fantasmi di “The Fog”.


Ce ne sono molti altri, alcuni più diretti di altri. In realtà abbiamo messo molte sorprese nel gioco, in omaggio a tutte le cose che amiamo che ci hanno ispirato in qualche modo a farlo.


“Those Who Remain” è un videogame horror di tipo psicologico. Potete spiegare meglio questo concetto?


Secondo noi, un’esperienza horror di tipo psicologico rimane maggiormente impressa nella mente. Ovvero una lotta interiore che il protagonista sta affontando.
Un gioco di mostri o qualcosa di più diretto e diretto come “Outlast” è molto più classico e divertente. In una partita del genere, il giocatore deve agire rapidamente, correre o nascondersi.In un gioco horror psicologico, c’è sempre una tensione palpabile, qualcosa di opprimente che è quasi come un’ombra sul personaggio principale. Succedono cose che potrebbero essere reali o no. Abbiamo anche mostri, ma il gioco non è costruito attorno a mostri o sequenze di inseguimenti.

Un’altra cosa che abbiamo deciso all’inizio è che volevamo evitare era l’uso dei salti.Penso che i salti siano eccessivi, sia nei videogiochi che nei film, e tendono a diventare rapidamente ripetitivi e noiosi. Non vogliamo che il giocatore si spaventi quando un gatto salta di fronte alla telecamera o quando si alza un urlo casuale. Vogliamo mantenere il giocatore al limite, pensando sempre che stia per succedere qualcosa. Perché qualcosa accadrà, quando meno se lo aspetta.

Qual è il punto di maggior forza di “Those Who Remain” ?


Direi che le meccaniche di gioco sono ciò che lo distingue dalla concorrenza.
Per prima cosa, il giocatore non può andare nell’oscurità. Ci sono figure oscure che vagano nell’oscurità, che attaccheranno chiunque si avvicini. Quindi, il giocatore deve sempre trovare una fonte di luce per spaventarli e liberare un percorso attraverso l’oscurità.
Quindi il giocatore deve viaggiare attraverso diverse realtà, esplorare entrambe le dimensioni e manipolare oggetti o fare cose specifiche che influenzeranno la realtà opposta.
Questi due colpi di scena offrono uno strato di complessità ai puzzle che creano un’esperienza unica e un approccio diverso al genere.
Abbiamo anche tre finali diversi in base alle scelte del giocatore.
Le scelte non sono in bianco e nero: tutto è nei toni del grigio e può essere messo in discussione, quindi probabilmente genererà una scelta su ciò che è giusto o sbagliato.
Tutto questo messo assieme, si spera, creerà un’esperienza appagante per il giocatore.

Quanto tempo ci è voluto per realizzare “Those Who Remain”?

Sono passati 3 anni e un paio di mesi da quando abbiamo iniziato.
Siamo un team piccolo, ma molto concentrato e il nostro piano iniziale era di fare tutto internamente, dallo sviluppo al porting e al rilascio.
Andrebbe bene se fosse solo una versione per PC, ma l’idea era sempre quella di rilasciarlo anche su console.
Con il progredire dello sviluppo, abbiamo iniziato a capire che sarebbe stato un compito enorme e scoraggiante fare tutto da soli, quindi abbiamo ottenuto l’aiuto di un fantastico team editoriale – Wired Productions – che ha portato molte mani ed esperienza extra, accelerando l’ultimo fasi di produzione.


“Those Who Remain”, per poter essere giocato su pc, richiede un sistema operativo da Windows 7 in su; minimo 4 GB di RAM; una scheda video adatta al gaming e 9 GB di spazio libero su disco fisso.

Può essere acquistato e scaricato su Steam al seguente link: https://store.steampowered.com/app/715380/Those_Who_Remain/


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST