fbpx
Usarci


Quanto vale il comparto degli incontri? Facendo riferimento a dati Istat, Cebr, Ibis e Pew Research, Anima Select -l’organizzazione che sta rivoluzionando il mondo degli incontri grazie all’esclusivo abbinamento emotivo basato sulle tecniche scientifiche ideate dallo psicologo Stefano Benemeglio – ha stimato un valore che per l’Italia è di 14,8 miliardi di euro.

Una cifra considerevole che tiene conto anche dell’indotto: 4,5 miliardi di euro per l’intrattenimento (dagli happyhour ai ristoranti, includendo cinema, teatro e così via), 4,2 miliardi di euro per i viaggi (in crescita il fenomeno delle vacanze di gruppo per conoscere nuovi potenziali partner), 2,4 miliardi per l’abbigliamento e gli accessori (gli italiani amano essere trendy ad ogni nuovo incontro), 1,8 miliardi per l’estetica in generale, includendo wellness, fitness, cosmetici, coiffeur e trattamenti estetici. Poi ancora c’è la spesa per i regali pari a 0,5 miliardi di euro e perfino quella per i contraccettivi che si attestano a 0,3 miliardi.

Volendo fare un confronto con l’Europa, Anima Select mette inoltre in rilievo che nelle altre nazioni si spende molto meno, arrivando a sommare appena 24 miliardi di euro.

In Italia la propensione ad essere attenti alla bellezza ed alla cura del corpo è maggiore rispetto ad altri Paesi. Come è maggiore anche la voglia di uscire e divertirsi.

E negli Usa? «Gli Stati Uniti arrivano a sommare una spesa di 16 miliardi, con una media pro-capite di molto inferiore a quella italiana» rispondono gli analisti di Anima Select.

L’indotto che continua a godere del maggiore impatto economico grazie al dating è proprio quello dell’intrattenimento, con un investimento annuo pro-capite pari a 500 euro, che moltiplicato per 9 milioni di dater sommano appunto 4,5 miliardi.

Il dating online – tuttavia – è in decrescita. «Certo si tratta di cifre che variano da analisi ad analisi e mancano ancora dei numeri precisi, ma la tendenza è quella di un ritorno ai servizi offline, con l’Italia che in questo settore risulta essere il Paese più dinamico» tiene a precisare Giuseppe Gambardella, ideatore e ceo di Anima Select.

«Se in passato vi è stata una crescita dell’online a discapito dell’offline, ciò è dovuto solo al fatto che in questo settore per anni hanno operato persone con poca etica che hanno dato al business un’impronta fortemente incentrata sulla vendita, senza pensare a dare un buon servizio al cliente» aggiunge Giuseppe Gambardella.

Ora tutto questo è acqua passata. Dopo il flop delle agenzie matrimoniali tradizionali, alcune di loro accusate anche di truffa ed ora fallite, è nato un nuovo approccio.

Il segnale è forte: dopo la crescita esponenziale dei servizi di dating online, oggi vi è una forte richiesta di servizi più tangibili. La gente sul web non è affatto contenta: paga quote considerevoli ed è spesso costretta ad acquistare servizi extra per vedere risultati che poi sono scarsi, soprattutto per chi cerca una relazione seria.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



MEDICAL LAB

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST