fbpx


Gli alberghi e i ristoranti vietati ai minori sono in costante aumento in tutto il mondo e la moda del turismo «child free» è arrivata anche in Italia. Dai ristoranti agli alberghi, dalle compagnie aeree alle spiagge, i luoghi di svago proibiti ai bambini stanno riscontrando sempre più successo anche nella nostra Penisola.

A lanciare l’allarme è l’ Università Popolare delle Discipline Analogiche (www.upda.it).

Già molto diffusa all’estero, la «no kids policy» sta infatti contagiando anche l’ Italia dove ora anche gli alberghi riservati solo agli adulti spopolano: sono infatti già almeno 52 gli hotel, agriturismi, resort e stabilimenti balneari che hanno “personalizzato” i loro servizi per offrire massimo comfort a un pubblico di soli adulti.

«Eppure i viaggi in famiglia fanno bene non solo ai bambini ma anche agli adulti stessi, perché nelle vacanze condivise si creano memorie indelebili e si esce dal guscio in cui ogni giorno ci rifugiamo. È la famiglia stessa ad esporsi al cambiamento ed a mettersi alla prova» puntualizza lo psicologo Stefano Benemeglio.

«Per i figli il viaggio è un momento educativo e di formazione fondamentale mentre per gli adulti è l’occasione per riflettere, acquisire nuove competenze ed approfondire le relazioni» aggiunge Samuela Stano, presidente dell’ Università Popolare “Stefano Benemeglio” delle Discipline Analogiche.

«E, poi ancora, escludere i bambini -almeno in Italia- è proibito dalla legge» sottolinea Samuela Stano. Secondo il Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS), infatti, i titolari di pubblici esercizi, senza un legittimo motivo, «non possono rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo».

«Insomma, nel caso di un albergo, se ci sono camere disponibili non si può tenere alla porta un ospite perché è bambino e presumibilmente strilla» sostiene il presidente dell’ UPDA.

Ciò nonostante, le strutture che hanno adottato una «no kids policy» in Italia sono già almeno 52, il 6,5% rispetto alle strutture presenti in tutto il globo, che sono almeno 800.

«Ne abbiamo osservate ben 420 in Europa, 218 nelle Americhe, 69 perfino in Africa, 61 in Asia e 32 in Oceania» osservano gli analisti dell’ UPDA.

Vi è poi chi sostiene che i bambini più piccoli non ricorderanno molto della loro esperienza di viaggio, ma questo è vero solo a livello di ricordo cosciente mentre a livello di memoria interna l’esperienza rimane.

«Il ricordo cosciente è quello per cui si fissa l’immagine del posto in cui si è stati come se fosse una fotografia, ma la memoria interna è molto più importante: è il vissuto e gli affetti uniti ad una determinata situazione» spiegano gli analogisti.

«Noi analogisti la ritroviamo nei sogni, nel pensiero non cosciente delle persone che si rivolgono a noi per ritrovare il loro benessere emotivo. I bambini, infatti, vedono le cose in modo così sorprendente e candido, ma anche intelligente, che ascoltarli e viverli quando si è in vacanza è una continua scoperta, in grado di farci vedere le cose da un’ottica completamente diversa, facendoci assaporare il tempo insieme in modo ancora più bello e più profondo» osserva Samuela Stano.

Secondo gli analogisti dell’UPDA, viaggiare è così importantissimo per stimolare il «lateral thinking», quella capacità di pensare fuori dall’ordinario, affinando la capacità di improvvisare e di affrontare gli imprevisti senza paure. «È un’occasione unica per esporsi all’insolito ed è un momento pedagogico anche per gli adulti, nel senso che prepara a prendere decisioni e ad affrontare le sfide che la vita ci pone davanti» conclude lo psicologo Stefano Benemeglio.

Sarà sicuramente vero, però bisogna tener conto che gli altri ospiti di hotel e ristoranti hanno il sacrosanto diritto di riposarsi in vacanza dopo un anno di lavoro. E ritrovarsi a star svegli per ragazzini che litigano urlando, a mangiare mentre bambini maleducati corrono tra i tavoli senza che i genitori intervengano, a tentare inutilmente di leggere in spiaggia mentre i figli altrui strillano e si lanciano palettate di sabbia, non è proprio il massimo e, soprattutto, non è quello per cui si è pagato un hotel, un ristorante, una spiaggia.

Genitori meno permissivi avrebbero figli meno maleducati ed in grado di convivere con altri adulti.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST