fbpx


La mamma dei cretini è sempre incinta” era solito chiosare, nei suoi anni d’oro, Maurizio Costanzo. Detto veritiero oggi più che mai. Ne abbiamo la costante riprova nelle arruffate decisioni, nella selva di decreti e decretini, nelle “grida” e proclami mediatici con cui il governo, e molti enti locali, stanno affrontando l’emergenza pandemia.

Affrontare, lo so, è termine improprio. Ma sempre meglio che governare, visto che qui tutto è stato detto, e fatto, tranne che cercare di governare la situazione non dico con saggezza, ma anche solo con un minimo di buon senso. Quello proprio della Casalinga di Voghera di arbasiniana memoria…

Le famose Task Force del Conte Zio – circa cinquecento “esperti” strapagati, contro i sette, dico 7, della Merkel, e i tedeschi hanno anche protestato… – hanno, in questi mesi, prodotto un cumulo di assurdità insensate. Ed assolutamente inutili. Roba da far sembrare logici e coerenti gli stralunati dialoghi de “La cantatrice calva” di Jonesco..

Alcuni esempi. Fino all’altro ieri non potevo vedere un amico… Ma potevo incontrare un parente di sesto grado. Ovvero uno sconosciuto con cui avrei un antenato comune nella prima metà dell’800. Quando, per altro non esisteva neppure un’anagrafe pubblica…

Non parliamo, poi, del distanziamento in spiaggia. Del divieto, fatto ai bagnini, di praticare la respirazione bocca a bocca. Dell’obbligo di portare insalubri mascherine durante l’attività aerobica…
Un insieme di stupidità senza precedenti storici e di ottusa, bieca, volontà di esercitare un potere totalmente arbitrario e gratuitamente vessatorio…

L’ultima trovata è quella dei, cosiddetti, Assistenti Civici. Che dovrebbero essere dei vigilantes destinati a contenere l’immorale e pericolosa ebrezza cui gli italiani si starebbero abbandonando dopo la fine della quarantena. Insomma la movida, la gita al mare, la grigliata in giardino ed altri, consimili, atti eversivi. Roba che ricorda la polizia morale della Firenze di Savonarola. Che però, se non ricordo male, fini arrostito…

Ora, facilmente, questi Assistenti Civici rappresenteranno solo un ennesimo esempio di assistenzialismo italico. Un modo per dare stipendio, non lavoro, a un bel gruppo di potenziali elettori. Insomma, la nuova versione dei famosi forestali di Calabria.

In questo caso, tali fortunati, se avranno buon senso, non faranno nulla. Restandosene beatamente in panciolle. Come hanno sempre fatto, con in più una retribuzione….

Ma siccome vale la legge della mamma dei cretini, non è da escludere che, in parte, sentendosi investiti di una qualche autorità, civile e morale, provino ad esercitarla. Inevitabilmente con l’arroganza e la protervia tipica di coloro che mai ne hanno avuta. E che non hanno alcun titolo per averla…

Ora, è ben vero che in questi mesi gli italiani hanno subito, proni, ogni genere di multa e vessazione. Ma ad esercitarla erano comunque forze dell’ordine, degradate a scherani dai DPCM…. Ed è anche vero che tra poliziotti e carabinieri sta montando una insofferenza per questa situazione, per questo ruolo cui sono stati costretti. E per l’odio senza precedenti di cui sono ora oggetto. Una stato d’animo diffuso e pericoloso, di cui anche il più ottuso inquilino del Viminale deve tenere debito conto.

E allora avanti coi vigilantes. Che però sarebbe interessante vedere affrontare torme di ragazzoni tatuati e palestrati intenti a bere una birra in compagnia. Si rischia una nuova crisi del nostro sistema ospedaliero. Questa volta, però, per carenza di posti in traumatologia.

Vi è però un’altra possibilità. Meno allegra, diciamo così… In determinate regioni del nostro paese il potere ha sempre fatto ricorso, in momenti di crisi, ad accordi con Camorra, Mafia e simili. Per controllare il territorio e placare il malcontento popolare. In sostanza il sistema dei famigerati mazzieri d’età giolittiana, raccontato da Gaetano Salvemini….

Illazioni. Dietrologie… Però, viste certe scarcerazioni facili degli ultimi tempi…


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST