fbpx


Atm, Atac, Anm, Gtt. Cambiano le sigle delle aziende dei trasporti pubblici locali ma, in ogni caso, ai sudditi spetterebbero ora dei rimborsi. Chi ha pagato un abbonamento per utilizzare il servizio pubblico è costretto, ora, a rinunciare per le deliranti misure imposte dai dittatorelli dello Stato Libero di Bananas.

I vari sindaci hanno dichiarato che, in pratica, solo un quarto dei passeggeri “normali” potrà salire su un autobus, sul tram, in metro. Dunque i 3 quarti hanno pagato per un servizio che viene negato.

Ce lo chiede l’Europa.. Ah no, ce lo ordinano gli esperti. Senza entrare nel merito della loro esperienza, vera o probabilmente falsa, ciò che è chiaro è che le aziende dei trasporti non forniranno un servizio per il quale hanno incassato i soldi dei cittadini. E lo stesso vale per chi ha pagato l’abbonamento annuo del parcheggio e si ritrova con i parcheggi aperti a tutti.

L’emergenza, certo. Dunque nessuna protesta ma la restituzione dei soldi degli abbonamenti. O il prolungamento della validità degli abbonamenti per un numero equivalente di mesi in cui la normalità del servizio non è assicurata. Imprigionare i sudditi e fregargli anche i soldi degli abbonamenti non è proprio il massimo della correttezza.

Photo credits by Augusto Grandi


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST