fbpx


Giorgio Gori, sì proprio il sindaco di Bergamo, quello che si faceva fotografare a cena al ristorante con la moglie mentre esplodeva il dramma della pandemia, pretende che l’Italia chiusa per virus spalanchi le porte a 200mila immigrati da far lavorare nei campi. Adesso, non quando gli italiani potranno uscire dalle galere casalinghe.

D’altronde i lavori nei campi hanno tempi e necessità che non dipendono da Giuseppi, Lamorgese e Speranza. Se i lavoratori servono adesso mica si può spiegare a Madre Natura che deve attendere un decreto per spostare la primavera. Tutto giusto. Ma Gori, da perfetto esponente del capitalismo di rapina, non spreca una parola per domandare come mai, a fronte di un esercito di disoccupati italiani, si debba ricorrere a manodopera straniera.

Non gli viene il dubbio che le retribuzioni siano indecenti. E, allargando l’analisi, non gli viene il dubbio che i prezzi pagati dalla grande distribuzione ai contadini ed agli allevatori siano altrettanto indecenti, salvo poi crescere a dismisura sugli scaffali dei supermercati o anche dei negozi di alimentari.

È un sistema marcio, disgustoso, da rivoluzionare. Ma agli esponenti radical chic del Pd non piacciono nè i braccianti (se italiani) nè gli agricoltori. Puzzano di poveraglia. Ma se cambiare il sistema è troppo difficile, se andrebbe a penalizzare i compagni di vacanza a Capalbio, a Cortina e Courmayeur, allora il compagno sindaco potrebbe pensare di precettare tutti coloro che ricevono il reddito di cittadinanza e che non si sono mai degnati di svolgere 1 ora di lavori socialmente utili. I renitenti alla vanga raggiunti dalla cartolina precetto come quando esisteva il servizio di leva obbligatorio.


Reader's opinions
  1. Tiziana Lanzarini   On   3 Aprile 2020 at 14:41

    Gente inutile. Sindaco I tuoi concittadini muoiono come mosche. Pensa a loro. E precetta chi sta sul divano col reddito di cittadinanza gentilmente offerto da chi paga le tasse. Spero la tua esperienza politica termini qui. Xe di danni ne hai fatti troppi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST