fbpx
Usarci


Giuliano Besson dovrebbe essere il simbolo della montagna italiana

che non si rassegna al ruolo di marginalità imposto da chi vive nelle grandi città e considera Alpi e Appennini come un mero piano inclinato utile per far sport. Che si tratti di sci, di corsa o di bicicletta. Montanaro vero, campione di sci all’epoca della Valanga Azzurra, albergatore sulle montagne torinesi. Sino a qui il ritratto corrisponde allo stereotipo di un montagnard di successo.

Poi, però, Besson ha deciso di andare oltre la caricatura del montanaro

e con il compagno di nazionale, Stefano Anzi, ha creato AnziBesson, marchio di alta qualità noto a tutti gli appassionati di sci alpino. Trasferendo le conoscenze e le esperienze dalle piste di discesa ad un centro di ricerca d’avanguardia. Sono nati così capi tecnici utilizzati dalle principali squadre nazionali di sci. E sono arrivate medaglie d’oro olimpiche e innumerevoli successi in Coppa del Mondo.

Un uomo di grande coraggio

come Besson, abituato ad affrontare le discese più pericolose del Circo Bianco, non si è fatto problemi neppure quando il socio Anzi ha scelto altre strade professionali. E la AnziBesson ha continuato a progredire e a mietere successi. Un successivo accordo con BasicNet non ha portato ai risultati auspicati e Besson si è ripreso il marchio. Ha studiato e sperimentato nuovi capi, sempre più tecnici, con l’utilizzo del carbonio. Ed ora è pronto a riprendere come clienti i principali team mondiali. Ma la produzione per atleti, maestri di sci e sci club sarà affiancata dai capi per la città. Un rilancio della moda Anni 80, rivista a partire dai materiali, con capi sdoppiabili adatti per ogni occasione e perfetti anche per andare in moto grazie all’esperienza maturata con i materiali tecnici per lo sci.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



The Gentlemen's family

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST