fbpx


La prossima settimana, in Trentino, il think tank Il Nodo di Gordio ospiterà un incontro di esperti e di politici per analizzare le prospettive delle Olimpiadi invernali del 2026 a Milano e Cortina, ma che prevedono gare anche in Trentino.

Olimpiadi alle quali ha rinunciato Torino ma il Piemonte riesce comunque ad essere protagonista grazie a Giuliano Besson che per la stagione invernale 2020-21 metterà sul mercato una linea di abbigliamento sportivo della AnziBesson denominata proprio Olympic Legend.

Una linea che rivisita, in chiave contemporanea e con soluzioni tecniche d’avanguardia, lo stile degli Anni 80. Con capi che possono essere utilizzati ovviamente sugli sci ma che sono pensati per essere indossati anche in città. Una linea “modaiola”, dunque, che va ad aggiungersi ai capi super tecnici ideati per chi vive sulla neve: maestri e scuole di sci, gruppi sportivi, sci club, ma anche personale che sulle piste lavora. Senza dimenticare gli sciatori più assidui, quelli che hanno bisogno di una giaccavento che ripari dal freddo senza far sudare, che abbia colori che resistono al sole, che offra comfort e prestazioni di alto livello.

Ma Besson, uno dei protagonisti della Valanga Azzurra degli Anni 70, lancerà anche una linea di celebrazione di quella mitica squadra di campioni dello sci. Erano gli anni dei Thoeni, di Gros, di Stricker, degli Schmalzl, di Pietrogiovanna, di Radici e poi di De Chiesa, senza dimenticare ovviamente Stefano Anzi e Giuliano Besson. Anche in questo caso si tratterà di una linea che riprende lo stile vintage dell’abbigliamento da sci ma coniugandolo con materiali tecnici, studiati in laboratorio, testati nella galleria del vento. Ed accompagnati da accessori che vanno dalle magliette ai cappellini, alle borse. Un tributo di classe e innovazione.

In attesa delle prime nevicate.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST