fbpx
Usarci


Il dibattito sul tema sembra quasi raccontare un film di fantascienza

Una verosimile realtà in cui i computer, con la loro sempre più straordinaria potenza di calcolo e quegli algoritmi garanti della totale automazione, potranno sostituirsi a ogni tipo di mansione cognitiva che un uomo possa svolgere.

Dopo due anni di sperimentazione, Jeff Bezos – CEO di Amazon – ha portato la quarta rivoluzione industriale sotto gli occhi di tutti

Il 22 Gennaio, nell’edificio che ospita la sede principale di Amazon, a Seattle, è stato aperto il primo supermercato automatizzato: tornelli all’ingresso, casse automatiche all’uscita, quasi nessun commesso se non quelli che si occupano di panini o merci non confezionate.

Nasce Amazon Go

Il sistema è estremamente “smart” e, a differenza di un primo momento, in cui etichette RFID erano inserite nelle confezioni, si basa su sensori e Intelligenza Artificiale. È sufficiente entrare, registrarsi con l’app di Amazon e uscire. Il cliente troverà la lista della spesa inserita nel proprio conto Amazon, esattamente come se avesse acquistato qualcosa in Rete.

Se alcuni anni fa si teorizzava di frigoriferi intelligenti con lettori di codici a barre per la scadenza delle merci interfacciati con i negozi per gli ordini, adesso il frigorifero stesso ci potrà dire in tempo reale cosa comprare da Amazon e noi potremo comodamente fare la spesa.

Possiamo definirlo una sorta di capitalismo delle piattaforme, profezia di un futuro di automazione governata da algoritmi intelligenti?

Ne abbiamo parlato con Lorenzo Ivaldi, ingegnere Elettronico, Dottore di ricerca in Sicurezza Informatica e docente presso il DITEN dell’Università di Genova: “Nessuno sa esattamente quanti e quali saranno i lavori del futuro. Di certo saranno molto meno manuali, molto più creativi e a valore aggiunto individuale. I trend di occupazione aziendale si sposteranno dai colletti blu a chi saprà generare gli algoritmi che gestiranno le industrie: Big-Data-Driven Quality Control (il controllo di qualità automatizzato), Robot-Assisted Production (gestire e manutenere i robot industriali) saranno le parole chiave del futuro industriale insieme alla gestione dei magazzini e alle catene logistiche di approvvigionamento e vendita. Lentamente cambieranno anche gli altri settori e mentre vedremo robot raccoglitori di pomodori affittati per le raccolte stagionali al posto dei braccianti agricoli, trattori remotizzati o automatizzati e sempre più robot che costruiranno altri robot, gli umani si potranno dedicare a occupazioni più creative“.

Fra tecnica e sociologia, la querelle avrà di che farsi sentire

Un primo spunto: la potenza dell’algoritmo è enorme, senza dubbio, ma avrebbe ragion d’essere se non fosse parte di un’interazione fra uomo e macchina?


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



The Gentlemen's family

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST