fbpx


Vip, very important person, persona davvero importante.

Dunque, secondo i criteri di Mediaset e di Berlusconi, ma anche secondo le interpretazioni dei giornalisti di servizio di stampa e tv, le persone veramente importanti in Italia sono Er mutanda, Francesco Monte, Stefano Sala, Benedetta Mazza. Oppure Sfera Ebbasta e Bello Figo.

Dunque è normale che le scuole organizzino gite di studenti, anche delle medie inferiori, non per ammirare i capolavori di Michelangelo, di Caravaggio, di Palladio o per seguire le opere teatrali di Goldoni, le musiche di Verdi, ma per andare a seguire i veri vip del Terzo Millennio.

Chi era Rossini a fronte di Sfera Ebbasta? E si può perdere tempo con Mascagni quando si può essere illuminati da Bello Figo?

Non è un problema di gusti differenti, dovrebbe esserci la capacità di valutare, di discernere. Uno non vale uno. Tra Mozart e Fedez esiste una certa differenza qualitativa. Tra Maupassant e Saviano esiste una voragine non solo temporale.

Eppure per i media, per gli insegnanti e per i divulgatori culturali del pensiero unico obbligatorio è normale portare la notte i bambini ad entusiasmarsi per i nuovi Vip.

È normale per i genitori accompagnare i figli a fare code chilometriche un pomeriggio per conquistare l’autografo di un blogger.

È normale, per assessori ignoranti prima ancora che faziosi, censurare Dante o i Futuristi per sostituirli con rumori corporali di Young Signorino o con colate casuali di colori spacciati per arte.

La badessa Signorini viene trasformato in un guru, Saviano in uno scrittore, Fazio in un esempio di divulgatore culturale, Littizzetto in una reincarnazione di Longanesi o di Flaiano. Ed i giornalisti di servizio a rincorrere l’ultima dichiarazione del Vip di turno sui diritti umani in Iran o sulla guerra civile nello Yemen, per scoprire che il Vip non sa dove sia l’Iran e confonde lo Yemen con lo yogurt.

Ma la macchina mediatica non si ferma per questo. Tutti pronti, a scuola, a cancellare la gita d’istruzione a Pompei per sostituirla con una tappa della tournée di J-Ax. Tanto al ministro Bussetti il passato non interessa.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST