fbpx
Usarci


Gli italiani spendono sempre di più per le revisioni auto

Secondo l’Osservatorio Autopromotec lo scorso anno la spesa ha sfiorato i 3 miliardi di euro (2,95 miliardi), con un incremento del 2,8% rispetto al 2016, dunque un aumento superiore a quello dell’inflazione.

La cifra comprende il pagamento della tariffa per le revisioni che ammonta a 950,9 milioni di euro (+1,9% rispetto al 2016) ed il costo per le cosiddette operazioni di prerevisione, cioè per le riparazioni necessarie per porre i veicoli in condizioni di superare i controlli, costo che ammonta a 1.997,3 milioni di euro (+3,2%). Queste stime derivano da un’elaborazione dell’Osservatorio Autopromotec (che è la struttura di ricerca di Autopromotec, la più specializzata rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico) su dati Istat e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’aumento della spesa per le revisioni nel 2017 è dovuto al fatto che il numero degli autoveicoli chiamati a revisione lo scorso anno è stato superiore rispetto al numero degli autoveicoli revisionati nel 2016 (+1,9%)

Ciò, ovviamente, ha determinato anche un aumento del fatturato delle officine. Per quanto riguarda le prerevisioni, oltre che per il maggior numero di autoveicoli sottoposti ai controlli, la spesa è aumentata (+3,2%) anche in relazione all’incremento dei costi delle operazioni di manutenzione e riparazione che emerge dagli indici Istat (+1,3%).
La revisione periodica degli autoveicoli, sottolinea l’Osservatorio Autopromotec, oltre ad essere un obbligo previsto dalla legge del nostro Paese, è anche uno strumento fondamentale di controllo. Un problema particolarmente evidente in Italia dove l’eta’ media del parco circolante è elevata in conseguenza di una crisi che ha colpito le fasce più deboli della popolazione ma anche il ceto medio che si è impoverito e ha rinviato l’acquisto di nuove vetture. Lo stesso vale per i mezzi di trasporto utilizzati per lavoro: si è cercato di rinviare il più possibile il rinnovo dei veicoli aziendali.

Gli effetti negativi si sono registrati sia sul fronte della sicurezza sia per l’inquinamento. Ma i blocchi del traffico non portano denaro nelle tasche di chi non ha la possibilità di a acquistare una nuova vettura.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST