fbpx
Usarci


Il mercato mondiale dell’auto è caratterizzato, in questo inizio d’anno, da andamenti estremamente diversificati a seconda delle aree geografiche

Nei giorni scorsi Gian Primo Quagliano, presidente del Centro studi Promotor, aveva analizzato il mercato europeo cresciuto, a gennaio, del 6,8%.

Nello stesso mese, ricordano all’Anfia, il mercato russo ha fatto registrare un incremento del 31%, con previsioni di rafforzamento per l’intero 2018 e con una crescita che dovrebbe proseguire sino al 2021 puntando soprattutto sulle aree rurali caratterizzate da scarsa motorizzazione.

Stabile, invece, il mercato Nafta (+0,3%), ma per effetto di una crescita del 5,7% in Canada, di una flessione dell’11,4% in Messico e di un modesto incremento negli Usa (+1%). In realtà il dato statunitense è formato dai light truks che aumentano le immatricolazioni dell’8,1% e dalle consegne delle auto, crollate a -11,5%.
Particolarmente negativo l’andamento di Fca che cede il 12,7%. Scendendo nell’America del Sud si rafforzano ulteriormente i mercati di Brasile (+22,7%) e Argentina (+29,7%), ma per Buenos Aires i volumi sono modesti (53mila auto consegnate), inferiori alle immatricolazioni di piccoli Paesi europei come Olanda o Belgio.

L’andamento altalenante si ripropone in Asia. Al confine tra Europa e Asia, la Turchia ha chiuso un anno difficile con una caduta del 5% che si è accentuata a dicembre -8%).

Mentre nell’estremo Oriente la situazione è duplice. Da un lato il Giappone che registra una flessione dell’1,1%, dall’altro la Cina che riprende la sua lunga e sempre più rapida marcia verso la motorizzazione di massa. Pechino cresce del 10,7% a gennaio e rafforza ulteriormente la sua leadership come principale mercato automobilistico mondiale.

Una realtà da cui non si può più prescindere, sia in fase di stile e progettazione sia nella scelta dei motori. La Cina, per combattere un inquinamento sempre più grave ed insostenibile, deve necessariamente puntare sulle vetture elettriche ed i grandi costruttori, europei ed americani, non potranno evitare di conformarsi alle scelte strategiche del più grande mercato mondiale dell’auto.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



MEDICAL LAB

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST