fbpx
Usarci


Il ministro Paolo Savona scrive al presidente di un noto think tank di geopolitica per spiegare che il documento economico del governo giallo verde rappresenta un atto di coraggio e di sfida nei confronti della vecchia politica europea e, immediatamente, si scatena la canea di chi non ha capito nulla o di chi finge di non aver capito per poter offrire il peggio della critica faziosa.

Dunque Savona scrive a Daniele Lazzeri, alla guida del Nodo di Gordio, e spiega:

Senza una forte volontà politica non si sarebbe potuto fare nulla. Abbiamo lanciato il guanto di sfida alla vecchia Europa, ora dobbiamo vincere la guerra, perché guerra sarà.

Allora bisognerebbe cominciare ad imparare a leggere prima di sparare idiozie su ciò che non si è capito.

Savona non scrive di “sfida all’Europa” bensì alla “vecchia Europa”.

Una differenza sostanziale perché l’Europa è il nostro futuro, mentre la vecchia Europa è la zavorra per la costruzione di qualsiasi nuova realtà.

Dunque la sfida è rivolta agli euro cialtroni, ai burocrati, ai servi dei banchieri e degli speculatori. A quella banda capeggiata da Moscovici impegnata a distruggere il popolo italiano.

Quanto alla guerra, Savona sostiene che “guerra sarà” poiché è perfettamente consapevole che saranno i poteri forti a scatenarla contro un’Italia in cerca di libertà e di riscatto. La consapevolezza di dover lottare non è una ricerca dello scontro ma solo la messa in guardia contro un’offensiva che è stata immediata e che ha portato all’aumento dello spread e ad un crollo della Borsa. Ma se l’alternativa è la povertà in salsa greca, la guerra sarà giusto combatterla.

Ed è patetico, o disgustoso, l’atteggiamento di una parte di opposizione che si era entusiasmata quando il bugiardissimo Renzi aveva proposto di portare il deficit al 2,9% e che ora si indigna se i giallo verdi lo portano al 2,4%, come ha ricordato Alessandro Di Battista.

Che poi il 2,4% è solo teorico perché se si aumentano gli investimenti, da Eni a Finmeccanica, cresce il Pil ed il 2,4% si riduce scendendo verso il 2% voluto dagli euro cialtroni alla Moscovici. Ma questo i media di servizio si dimenticano di raccontarlo.

Per questo il ministro Savona ha deciso di comunicare il suo pensiero attraverso un think tank indipendente e libero, invece di rivolgersi ai manipolatori seriali dell’informazione.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



MEDICAL LAB

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST