fbpx


Le visite di Stato di un presidente non si programmano dall’oggi al domani. Però il viaggio di Mattarella negli Stati Uniti arriva proprio nel momento più adatto per ribadire il ruolo dell’Italia. E non è certo un grande ruolo.

Il presidente italiano va a baciare la pantofola a Trump mentre Trump cerca in ogni modo di distruggere l’economia europea e dunque anche italiana.

Mentre Trump vuole imporre dazi sulle merci italiane, mentre impone all’Italia di boicottare la Cina e di proseguire con le sanzioni contro la Russia che penalizzano le imprese italiane più di quelle russe. Mentre Trump, in Siria, tradisce i suoi alleati e lascia campo libero a Putin. Mentre Trump, attraverso la perniciosa Nato, non contrasta la Turchia.

D’altronde, sul fronte italiano, è stato il partito di Mattarella a volere come teorico ministro degli Esteri dell’Unione europea l’inutile Mogherini. E con una scelta di così basso livello non si poteva certo pretendere che l’Ue avesse una politica estera perlomeno mediocre.

Dunque Mattarella potrà solo baciare la pantofola, ribadire la sudditanza italiana, magari pietire qualche riduzione dei dazi sul parmigiano. Non riuscirà neppure ad ottenere interventi seri contro l’italian sounding per i prodotti alimentari falsamente italiani.

Nel frattempo, davanti all’Italia, sull’altra sponda del Mediterraneo, Putin può giocare la sua grande partita potendo contare sulla stupidità degli americani e sull’inesistenza dell’Unione europea. I russi hanno mandato le truppe non a combattere contro i turchi ma ad interporsi tra turchi e siriani. Con l’obiettivo di portare al tavolo Erdogan ed Assad per una pace sotto l’egida di Mosca. Sacrificando i curdi ma stabilizzando l’area.

Per lo stesso motivo Putin sta rassicurando l’Arabia Saudita pur senza abbandonare l’Iran. E, senza clamori, una delegazione saudita è volata a Teheran per trattative destinate a favorire un accordo nella regione.

Insomma, il mondo sta cambiando radicalmente proprio di fronte a casa ma l’Italia mattarelliana non se ne accorge e continua a baciare la pantofola americana. Servi degli Usa, servi della Nato. Perché essere liberi è faticoso, richiede coraggio ed intelligenza. Troppo impegnativo.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST