fbpx
Usarci


In Italia non funzionano le agenzie per l’impiego per ricollocare gli umani senza lavoro ma, in compenso, funzionano le iniziative per trovare una occupazione ai robot licenziati

Così tra il 18 ed il 20 aprile, all’Oval di Torino, i visitatori della dodicesima edizione della Fiera internazionale delle tecnologie per Impresa 4.0 (Fiera A&T) saranno accompagnati da Pepper, il primo robot umanoide licenziato da un supermercato scozzese.

Quella degli organizzatori non è soltanto una divertente provocazione, ma è un modo estremamente efficace di mostrare il futuro che ci attende in tempi brevissimi.

Per la stessa ragione all’interno del padiglione fieristico sarà realizzata una fabbrica del futuro, per illustrare come si sta trasformando la produzione. E saranno gli studenti a spiegare il funzionamento della fabbrica agli imprenditori ed ai manager delle piccole e medie imprese.

Perché – spiega Luciano Malgaroli, amministratore delegato della Fiera A&T – non bastano gli investimenti in nuove tecnologie ma serve un grande intervento sulla formazione.

Le grandi imprese, infatti, sono già strutturate per il cambiamento ma per molte Pmi l’industria 4.0 rimane ancora un mistero, un mondo sconosciuto e, per molte di loro, anche poco interessante.

La fabbrica intelligente della Fiera mostrerà invece, nel concreto, la differenza tra fabbrica automatizzata e fabbrica digitalizzata

Con la possibilità – aggiunge Massimiliano Cipolletta, vicepresidente dell’Unione industriale di Torino – di realizzare nuovi prodotti adatti a nuovi mercati.

Gli organizzatori annunciano la presenza di oltre 400 aziende, 50 delle quali in arrivo dall’estero. E si attendono 15mila visitatori a dimostrazione di un interesse che, inevitabilmente, deve ancora crescere e molto. Anche perché le ricadute non sono soltanto quelle positive per le aziende.

È vero che Pepper, in uno spot di presentazione, assicura di non voler rubare il lavoro agli umani. Ma la realtà è proprio quella

È illegale licenziamento del robot dal supermercato è stato dovuto alla scarsa preparazione dei programmatori e utilizzatori scozzesi. Perché l’androide puo’ fare molto di più. E per sfidarlo gli umani devono avere non solo una adeguata formazione, ma anche una notevole intelligenza. Quella che non è facile individuare a bordo di un autobus all’ora di punta, tra i giovani studenti, o in un ufficio postale tra chi giovane non è più.

Inutile illudersi di aver a che fare con 60milioni di italiani geniali, preparatissimi, vogliosi di formarsi. In grado di battere la concorrenza di Pepper e dei suoi fratelli.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST