fbpx


Che l’ascensore sociale in Italia fosse diventato solo un discensore non era certo una novità.

Ma la ricerca della Banca d’Italia sull’immobilità sociale è interessante per un altro risultato: la sempre minor influenza dei livelli di istruzione sulla possibilità di crescita personale.

Sono altri i fattori di successo, a partire dalla rete di relazioni della famiglia. Ed è evidente che una famiglia che frequenta gli oligarchi avrà maggiori opportunità di garantire ai figli un futuro economico e professionale di buon livello a differenza di chi conosce solo disoccupati e sottoccupati.

In pratica si è ricreato un sistema di potere con il signore circondato dalla corte a cui elargisce favori a seconda del proprio umore. Per gli altri ci sono soltanto gli avanzi dei banchetti, qualche osso da rosicchiare ringraziando e benedicendo.

E se in un lontano passato provvedeva la chiesa a mantenere i poveri nella loro triste condizione, convincendoli di quanto fossero fortunati, ora i clerici lavorano nei giornali, in tv, nella divulgazione culturale.

Tutti impegnati ad osannare i Vip, importanti non per aver conquistato terre o portato benefici all’umanità ma solo per aver conquistato spazi sui media, spesso grazie a risse sguaiate in orrendi programmi televisivi.

In Francia gli esclusi hanno indossato un giubbotto giallo e sono scesi in piazza, in Italia si sono seduti davanti alla tv per applaudire chi impedisce loro di migliorare la propria condizione.

Il reddito di cittadinanza avrà la stessa funzione delle ossa da spolpare gettate al popolo dal signorotto del passato. Soldi per sfamarsi evitando di infastidire i potenti. Ed i figli inseguiranno il sogno di ossa più grandi, con qualche brandello di carne in più.

I rifiuti del Sistema di potere per quelli che gli oligarchi considerano rifiuti della società.

La scuola, che avrebbe dovuto avere un ruolo di crescita individuale e sociale, si è invece ridotta ad un centro di divulgazione del pensiero unico obbligatorio, di mortificazione del merito e delle capacità. Se si avanza lungo il percorso scolastico grazie a risposte su quiz con tre opzioni, non ci si può illudere che un titolo di studio serva a qualcosa, tantomeno ad una ascesa sociale.

Tutti devono essere uniformemente ignoranti, con la differenza che i figli delle classi dominanti hanno la possibilità di accedere ad una cultura diversa al di fuori dell’orario scolastico.

Possono frequentare luoghi di cultura, non soltanto nelle domeniche di accesso gratuito ai musei, quando la folla impedisce di vedere e di capire.
Possono viaggiare per conoscere coetanei dello stesso livello sociale.

Mentre per chi deve salire le scale sociali esistono solo viaggi low cost in località low cost e con la possibilità di frequentare altri poveri.

Un sistema bloccato, e che non si muove perché al Sistema va bene così. Ogni tanto qualche cooptazione per rinnovare il sangue del mondo degli oligarchi.

Purché si tratti solo di generosa concessione e non di una conquista da parte del volgo.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST