fbpx
Usarci


Missioni spaziali, sfide impossibili, tecnologie del futuro. Poi, però, il mondo si è fermato ad attendere buone notizie da una grotta in Thailandia.

E le buone notizie sono arrivate, con il salvataggio di tutti i ragazzini intrappolati e del loro allenatore.

Una gestione impeccabile da parte delle autorità thailandesi, sia sotto l’aspetto tecnico sia dal punto di vista umano. Con famiglie altrettanto impeccabili. La morte di un soccorritore ha impedito che la festa fosse completa, ma si sa che gli Dei sono spesso gelosi della felicità degli uomini.

Uomini davvero protagonisti, in questo caso. A partire dai subacquei che si sono impegnati nei soccorsi, dai medici, da tutti coloro che hanno partecipato e lavorato. Mentre le tecnologie avveniristiche ipotizzate da Elon Musk sono rimaste sulla carta.

Uomini che hanno dimostrato intelligenza, coraggio. Lo hanno dimostrato, il coraggio, anche i ragazzini intrappolati e lo ha dimostrato l’allenatore che li ha aiutati ad evitare la disperazione.

Ma l’umanità non è perfetta e a rovinare un momento bellissimo non potevano mancare gli americani che, da Hollywood, si sono già mossi per realizzare un film speculando anche su questa vicenda.

Non importa, al business, se tutto il mondo ha fatto il tifo per questi ragazzi, obbligando i telegiornali a dare informazioni sulla Thailandia prima che sull’acquisto di Ronaldo.

A maggior ragione in Italia dove chi è diversamente giovane è andato con la memoria alla tragedia di un bambino caduto in un pozzo, a Vermicino, e che non era stato salvato.

La tv del dolore aveva iniziato a dare il peggio di sé, iniziando a precipitare nel baratro dello sciacallaggio mediatico. Era il giornalismo che montava la panna, un giornalismo che ha avuto come maestro Eugenio Scalfari e come lavagna il quotidiano Repubblica. E che, con la tv, ha toccato i vertici del cattivo gusto.

Dalla Thailandia, oltre alla gioia per la salvezza dei ragazzi, è arrivata una immensa lezione di efficienza, di giornalismo e di stile umano. Una lezione che, sicuramente, in Italia non è stata compresa.


Le opinioni dei lettori
  1. ROSALIA PIAZZA   On   11 luglio 2018 at 8:02

    Nulla da eccepire sul salvataggio dei ragazzi ,ma se la situazione non fosse stata spettacolare i media se ne sarebbero interessati ?e tutte queste eccellenze tecniche si sarebbero mosse per mandare aiuti? perche’ non si fa altrettanto per tutte quelle persone e bambini che muoiono ogni giorno nel mondo? Io una risposta me la sono data,e l’America ne e’ la prova. Si chiama business.

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



The Gentlemen's family

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST