fbpx


Electomag non ha ancora compiuto il suo primo anno di vita ma è già arrivato al primo capodanno. E può far festa, considerando i risultati ottenuti.

I lettori sono tanti, più di quanti ci attendessimo.

Li ringraziamo per l’attenzione costante, per gli apprezzamenti ed anche per le critiche.

Lettori che ci seguono in ogni parte d’Italia ed anche all’estero. Il loro livello di istruzione è elevato e questo obbliga tutti i collaboratori di Electomag ad impegnarsi per offrire notizie, analisi, studi sempre più approfonditi e puntuali.

Rispetto al febbraio 2018 qualcosa è cambiato. È mutata la composizione della squadra che ha affrontato l’avventura di questo giornale: qualcuno è scomparso e ci dispiace, altri si sono aggiunti e continuano ad arrivare.

A tutti abbiamo chiesto di rispettare il motto di Electomag, “liberi di pensare”.

Così è capitato che le analisi del direttore fossero opposte rispetto a quelle di un collaboratore: non è stato un problema e, anzi, ha dimostrato concretamente cosa significhi aver scelto la linea della libertà.

E dopo aver ringraziato i lettori, è doveroso ringraziare anche tutta la redazione,

a partire dal vice direttore Federica Balza, che ha garantito la qualità che ci eravamo prefissati.

Dalla cultura allo sport, dall’economia alla scienza, dalla politica alla storia, dalla cucina alla politica internazionale abbiamo cercato di offrire uno sguardo diverso rispetto al panorama consueto.

Il consenso dei lettori è stato il riconoscimento più apprezzato.

L’inizio di un nuovo anno impone i consueti buoni propositi che, generalmente, rimangono tali.

Ma oltre ai buoni propositi Electomag ha già in preparazione alcune novità che i lettori potranno trovare già nelle prossime settimane. Non anticipiamo nulla per non togliere il gusto della sorpresa.

Ma per tutte le novità un grazie particolare va a Vittorio Corelli che ha voluto la nascita di Electomag e continua ad impegnarsi per far crescere il giornale.

E con lui deve essere ringraziato il partner che offrirà ad Electomag l’opportunità di uno sviluppo consistente in termini di diffusione e di qualità dei contenuti. Iniziare il 2019 con il sostegno di amici vecchi e nuovi, che ripongono grande fiducia nel progetto in cui abbiamo creduto, è stato il modo migliore per accompagnare i brindisi.

Grazie a tutti voi, dunque.

E auguri per un 2019 che si annuncia come un anno decisivo per l’Italia e per l’Europa.

Difficile che vada tutto nel migliore dei modi, nella vita pubblica ed in quella privata.

Ma l’augurio è quello di non arrendersi mai, di non rassegnarsi, di non rinunciare ai sogni.

Noi, un anno or sono, abbiamo sognato questa avventura editoriale.

A volte i sogni diventano realtà.


Le opinioni dei lettori
  1. Ferdinando Cipolletta   On   1 Gennaio 2019 at 20:43

    Complimenti per la qualità dei vostri articoli. Un ringraziamento lo devo fare alla voce direttrice F.Balza che mi ha fatto scoprire questo magazine.
    Continuate così!!!

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST