fbpx


Un carabiniere assassinato a Roma da una grande risorsa americana di 19 anni che ci stava pagando la pensione. Una grande risorsa che non si sa da quale inesistente guerra fosse fuggito. Perché anche gli statunitensi, quando arrivano a delinquere in Italia, per i buonisti ottusi sono profughi in fuga da guerre e carestia. Si sa che c’è un italiano ammazzato a coltellate a Roma mentre il sindaco ritiene che l’emergenza sia rappresentata dalla scritta su un palazzo.

“Scritta in caratteri fascisti”, perché dopo i caratteri greci, latini, arabi, cirillici, gli ideogrammi cinesi e giapponesi, i geroglifici ed il sanscrito, arrivano i “caratteri fascisti” a mettere a rischio la vita degli italiani. Non le coltellate delle grandi risorse, ma le scritte in marmo.

Ma l’episodio romano ha fatto dimenticare che il giorno prima, a Torino, una pattuglia della polizia era stata aggredita da un gruppo di altri grandi risorse impegnate non a pagarci la pensione ma ad impedire che venisse fermato un nigeriano. Una di quelle brave persone che si aggirano notte e giorno per i quartieri periferici della città. Mafia nigeriana? Assolutamente no, l’ospite indesiderato di Oltre Tevere ha spiegato che la mafia nigeriana non esiste e che le grandi risorse sono qui per fare del bene.

Poi, però, ci si sposta in Sardegna e si scopre che il nuovo sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu, ha cominciato a ripulire la città. Prima dall’immondizia che la precedente amministrazione aveva difficoltà a raccogliere, e poi dei delinquenti che occupavano le piazze di Cagliari. Quelli che prima sembravano intoccabili, per far contenti sindaco e Vaticano, e che ora sono costretti a restituire gli spazi ai sardi, alle famiglie, a chi vuole riappropriarsi della propria città.

Dunque non è impossibile. È sufficiente che i sindaci abbiano delle priorità. A Roma sono le scritte con “caratteri fascisti” da cancellare, a Torino l’eliminazione delle case editrici scomode dal Salone del libro, a Cagliari la priorità è rappresentata dai sardi.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST