fbpx


Valdis Dombrovskis, commissario europeo per gli affari finanziari, è l’odioso personaggio che, nonostante il voto europeo, si permette di dare lezioni all’Italia minacciando sanzioni miliardarie.

Dovete impoverirvi – ci spiega – per continuare a mantenere quei Paesi della Ue che devono continuare a prendere più soldi di quanti ne versino all’Unione.

Ad esempio la Lettonia del signor Dombrovskis. Perché l’uomo del rigore altrui arriva da un Paese che versa all’Unione europea ben 184 mila euro, incassando 736 mila euro. Dunque lo Stato virtuoso si prende mezzo miliardo di euro in più di quanto paghi. E chi è che deve versare più di quanto riceve per regalare il mezzo miliardo a Dombrovskis ed alla Lettonia? Ma la cattiva Italia, ovviamente. Che paga alle cassa europee più di 12 miliardi, ricevendone 9,7 miliardi.

La procedura d’infrazione contro l’Italia è la dimostrazione più evidente dell’assurdità delle regole europee. Un Paese che è in grado di regalare quasi 3 miliardi di euro all’anno al resto d’Europa viene messo sotto accusa dai Paesi che si spartiscono i nostri miliardi. Ed i commissari che hanno provocato la morte di centinaia di bambini greci con le loro politiche di austerità, che hanno fatto raddoppiare il numero dei poveri in Italia grazie a governi di servizio, pretendono di insegnare all’Italia come uscire dalla crisi. O forse come non uscire dalla crisi.

Perché i Dombrovskis di turno sono interessati solo alla spogliazione dei popoli in modo da continuare a rubare ai poveri per distribuire ai ricchi. Agli euro cialtroni non interessa un incremento della povertà, della disoccupazione. Non si interessano alle statistiche che dimostrano come i morti sul lavoro diventano sempre più numerosi con l’invecchiamento. Per loro, e per i politici anti italiani che abbondano nel nostro Paese, la prima misura da abolire è quota 100: si deve lavorare sino a crepare, così i conti migliorano.

Non c’è da illudersi sulla composizione delle prossime commissioni europee. Non cambierà nulla, se non in peggio. Qualcuno vorrebbe proporre come commissario addirittura Emma Bonino, cancellata dal voto popolare e rimessa in circolazione dai soliti oligarchi. Un perfetto esempio di nemica dell’Italia.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST