fbpx


La débâcle pentastellata ha riportato sulla scena Alessandro Di Battista, rappresentante dell’ala movimentista da non confondere dall’ala ottusa che fa capo a Fico.

Però il ritorno di Dibba ha evidenziato la ruggine accumulata in questi mesi di lontananza, prima dall’Italia e poi dall’impegno diretto in politica. Perché il simpatico Dibba ha steccato subito il primo intervento, dimostrando di aver capito poco o nulla di ciò che è successo.

È vero che la delusione negli elettori del Movimento 5 Stelle è estremamente diffusa ma, come dimostrano i dati delle elezioni amministrative, la delusione riguarda innanzitutto la modestia della classe politica messa in campo. Bocciata la Raggi, bocciata l’Appendino, bocciata l’amministrazione pentastellata a Livorno: difficile dar la colpa ad una inesistente subalternità alla Lega.

Dibba finge di non sapere che parte dei nuovi consensi che hanno premiato Salvini arrivano proprio dal Movimento 5 Stelle (e questo spiega perfettamente perché la Lega non vuole un accordo con Forza Botulino per le elezioni nazionali: molti nuovi consensi svanirebbero immediatamente). Perché gli attacchi contro la Lega, tanto apprezzati da Dibba e pure dall’ala ottusa, hanno solo fatto passare i pentastellati come quelli del “non fare”, quelli che bloccano tutto, quelli che non mantengono i patti su quella parte del contratto di governo che piace di più alla Lega ma che anche Di Maio e Conte hanno firmato.

La polemica continua ed esasperante dell’ultimo mese ha penalizzato Di Maio, non Salvini. E proseguire su questa strada, come piacerebbe a Di Battista, significherebbe andare alla caduta del governo. Con quali prospettive? Da solo il Movimento 5 Stelle può stare solo all’opposizione, un accordo può stringerlo solo con il Pd che, a quel punto, porrà condizioni molto più penalizzanti rispetto al contratto sottoscritto dalla Lega. È vero che forse potrebbero tornare a votare alcuni dei tanti elettori che hanno disertato le urne poiché delusi, ma è una scommessa estremamente rischiosa.

Mentre, sul fronte opposto, Salvini potrebbe allearsi con la Sorella della Garbatella e con una eventuale formazione creata da Toti, in modo da non aver più bisogno delle Erinni di Berlusconi.

Paolo Flores d’Arcais, ripreso immediatamente dalle varie testate d’area (da Micromega a Fuffintonpost passando per Repubblica) – dopo l’immancabile sparata contro le destre prefasciste che hanno vinto le elezioni in Italia – invoca la nascita di un nuovo partito di sinistra che possa fermare la pericolosa onda nera. Perché, a suo dire, non sarà il Pd a salvarci, visto che è ormai un partito di centrodestra. Nessuna illusione sui grillini ed ancor meno sulle sinistre terminali.

Dunque serve l’ennesimo contenitore che, bontà sua, dovrà rinunciare al politicamente corretto. E se è riuscito ad accorgersene persino Flores d’Arcais significa che persino a sinistra non ne possono più di boldrinate, di martinate, di bergogliate. Un primo segnale di intelligenza sopravvissuta al servilismo nei confronti della speculazione globale?


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST