fbpx


Salvini deve staccare la spina. Non può lasciarsi umiliare da Conte.

Così parlò Berlusconi. Che non è proprio Zarathustra, ma ha la pretesa di esserlo. Comunque il Sultano di Arcore qualche ragione rischia pure di averla: sino al voto per le elezioni europee il Movimento 5 Stelle alzerà il tiro contro Salvini (la Lega non compare quasi più) per richiamare alle urne le truppe sfilacciate. E il premier Conte è espressione pentastellata, non della coalizione di governo.

Il problema, per il Sultano di Arcore, è rappresentato da ciò che può offrire a Salvini per convincerlo a cambiare alleanza. Perché è vero che nelle ultime settimane gli screzi tra ministri gialloverdi sono aumentati, ma gli attacchi del TgPd5 berlusconiano contro Salvini e Lega sono quotidiani da sempre. Allora prima di chiedere al Capitano di staccare la spina, Berlusconi dovrebbe staccare dalle poltrone il direttore del TgPd5 ed i conduttori vari a partire dalla Buonamici. Oppure farsi umiliare da Conte è grave e farsi insultare dal partito Mediaset è divertente?

E Berlusconi staccherà la spina a Tajani? Alle Erinni perennemente impegnate ad attaccare quello che, per il Sultano, dovrebbe essere un alleato? Come può pretendere, il leader di Forza Botulino, che gli elettori leghisti accettino un governo che veda protagonisti Brunetta, Mulè, Bernini, Gelmini, Carfagna, Brambilla?

Ma Berlusconi staccherà la spina a Miccichè che, in Sicilia, in odio dichiarato per Salvini, ha stretto l’accordo con il Pd per questa tornata di amministrative che si è conclusa ieri?

Questi dovrebbero essere i futuri alleati in un governo Lega-Fdi e Forza Botulino? Su quali basi? Tutti ricordano gli strilli di Carfagna e Miccichè quando Salvini ha cercato di bloccare i porti alle Ong che importavano nuovi schiavi. È quella la politica di Forza Botulino per contrastare l’invasione? E la politica economica dei botulinici è quella che prevede mano libera nello sfruttamento dei lavoratori per far contenti i vertici di Confindustria?

La politica culturale è quella praticata da sempre, anche in Mediaset, e che consiste nell’affidare tutta la cultura alla sinistra nelle sue varie forme? Il modello è quello della Mondadori-Rizzoli guidata da Marina Berlusconi? In politica estera, oltre alla guerra contro la Cina per servilismo nei confronti degli Usa, esiste un’idea? Oppure si prosegue all’insegna del tradimento consumato da Berlusconi contro Gheddafi, con La Russa che apriva gli aeroporti italiani per favorire i bombardamenti contro il legittimo governo libico?

Prima di chiedere agli altri di staccare la spina, in Forza Botulino dovrebbero connettere il cervello. Per evitare di ritrovare ministri che hanno contribuito a peggiorare la scuola con l’idiozia delle 3 I, con ministri convinti che tra Ginevra e il Gran Sasso ci sia un tunnel (e poi ridono dei terrapiattisti), con ministri pronti a realizzare un grande canale navigabile tra Torino e Genova (primo governo Berlusconi).


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST