fbpx


Semplificazione. Pare essere la parola magica per ogni ambito di attività, in Italia. Così magica da essere irrealizzabile anche perché, se davvero si rinunciasse alla complicazione delle cose semplici, verrebbe meno il potere della burocrazia più ottusa che soffoca il Paese.

Ma ci sono settori dove la semplificazione può diventare realtà poiché è sufficiente volerlo. Per questo uno dei temi della campagna elettorale di “Solo agenti in Enasarco” riguarda appunto la semplificazione di tutto ciò che è legato all’attività dell’ente previdenziale degli agenti di commercio.

Semplificazione negli atti, nelle procedure, nei rapporti con chi lavora tutto il giorno in giro per l’Italia ed ha poco tempo per occuparsi di scartoffie. E anche se avesse tempo, potrebbe impiegarlo in mille modi più utili e gratificanti.

Dunque meno carte, meno burocrazia, ma anche maggior comunicazione da parte di Enasarco. I numerosi questionari inviati dall’Usarci agli agenti di commercio evidenziano una categoria arrabbiata ma anche scarsamente informata. E poco informata non sui massimi sistemi ma sui propri diritti, sulle opportunità, sulle scadenze.

Che si tratti dei termini per la presentazione di domande per la pensione o per i contributi sull’auto, sulle modifiche delle leggi, sui requisiti per ottenere servizi aggiuntivi, la mancanza di informazioni rappresenta un problema. Perché la conoscenza significa maggior forza, maggiori diritti. Per Solo agenti in Enasarco sarà quindi l’ente previdenziale a doversi fare carico di una informazione più puntuale sui vari temi. È Enasarco che deve raggiungere i singoli agenti e non viceversa.

Poi, indubbiamente, gli agenti di commercio dovrebbero fare la propria parte, magari seguendo i corsi di formazione e aggiornamento. Quei corsi che sono obbligatori per tutte le categorie di professionisti, dai medici agli avvocati, dai commercialisti ai giornalisti. Il lavoro degli agenti di commercio non è meno importante e diventa sempre più difficile, alle prese con un cambiamento continuo. Dunque anche l’aggiornamento professionale diventa un fattore di successo.


Reader's opinions
  1. Anna+Epifania   On   21 Febbraio 2020 at 21:10

    Questo è un giusto obiettivo, ossia è l’Ente Previdenziale che deve farsi carico di informare gli Agenti sui vari temi. E’ l’ENASARCO che deve raggiungere i singoli Agenti e NON viceversa. Bravi,sicuramente vi voterò e per di più cercherò di farVi pubblicità presso i vari colleghi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST