fbpx


L’80% degli agenti di commercio ha figli. Un dato, emerso da una ricerca promossa dall’Usarci, che potrebbe non significare molto, sotto l’aspetto delle richieste economiche della categoria.

Ma che, al contrario, è fondamentale proprio nel momento in cui 230mila agenti sono chiamati al voto per rinnovare i vertici dell’Enasarco, ossia dell’ente previdenziale. Che eroga le pensioni e non solo.

Perché è fondamentale la percentuale degli agenti con prole? Perché determina l’atteggiamento del genitore che svolge questa attività. La ricerca dell’Usarci – che, in vista delle elezioni, ha contribuito a dar vita alla lista “Solo agenti in Enasarco” insieme ad altre organizzazioni – evidenzia infatti che l’82% degli agenti (e la percentuale è analoga per i consulenti finanziari) è interessato a proposte rivolte a garantire il benessere ed il futuro dei figli, sia per quanto riguarda gli studi soprattutto universitari sia per il lavoro.

Ma, in fondo, anche la crescente attenzione della categoria nei confronti dell’ambiente, attraverso la disponibilità ad acquistare auto “ecologiche”, è legata alla prospettiva di lasciare ai figli un mondo dove sia possibile vivere e respirare senza ammalarsi per l’inquinamento. E tra le richieste più frequenti figurano sgravi fiscali ed agevolazioni per l’acquisto e l’utilizzo della vettura, insostituibile strumento di lavoro per chi percorre ogni anno dai 25mila ai 75mila km.

La ricerca dell’Usarci servirà, ovviamente, come base per il programma di Solo agenti in Enasarco. E non soltanto per gli aspetti legati all’auto o agli aiuti per far studiare i figli e per avviarli al mondo del lavoro.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST