fbpx




Giovedì 9 maggio alle 18, presso il Circolo Pannunzio in via Maria Vittoria 35/h, Federico Audisio di Somma presenterà, nell’ambito del progetto Hangar Book, il libro dal titolo “L’ombra cupa degli ippocastani” di Tosca Brizio, nom de plum di Patrizia Valpiani, per l’editore Golem.

Le letture saranno affidate a Cristina Tria del Piccolo Teatro Instabile.

L’autrice è presidente dell’AMSI, Associazione Medici Scrittori Italiani, nata a Torino nel 1951 da una idea del grande chirurgo Achille Mario Dogliotti, capace poi di riunire medici che coltivano la comune passione letteraria nel campo della poesia, narrativa, saggistica e prosa d’arte.

Con il libro “L’ombra cupa degli ippocastani” l’autrice, originaria della cittadina versiliese di Pietrasanta, ricca di arte e di storia, dà seguito alla serie dei suoi gialli, tutti ambientati nella piccola cittadina di Camaiore. Patrizia Valpiani ha anche all’attivo cinque raccolte di poesie ed una guida di Torino. È autrice anche del libro intitolato “Chiaroscuro“, edito da Golem nel 2007, ambientato a Torino e con sfondo la malavita trapiantata dal Sud Italia.

Il romanzo “L’ombra cupa degli ippocastani” è scritto con lo pseudonimo di Tosca Brizio, iniziato a quattro mani con il compagno della scrittrice, deceduto nel corso della stesura dell’opera. Si tratta di un noir con un sottofondo fantasy, contraddistinto da un’atmosfera inusuale e dalla presenza di un protagonista non convenzionale. È Pietro Jackson, artista a tutto tondo, pittore e jazzista, capace di trovarsi, mentre suona e dipinge, in uno stato di coscienza diversa. Pietro, infatti, si ape ad una forma di sensibilità alternativa, che gli consente di percepire le negatività che lo circondano. Il romanzo è, ancora una volta, come i precedenti dell’autrice, ambientato nelle colline di Camaiore, luoghi molto amati dalla scrittrice e descritti con tinte”artistiche”. La vicenda si svolge in una casa di cura per malattie nervose e mentali ed è frutto di fantasia, una sorta proiezione dell’anima, con i suoi chiaroscuri, tra le fronde degli ippocastani.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST