fbpx
Usarci


Si terrà oggi pomeriggio, 6 novembre, alle 18 la presentazione dell’ultima raccolta di poesie di Fabio Pusterla “Cenere, o terra” nella Sala Biblioteca del Circolo dei Lettori di Torino.

L’evento vedrà la partecipazione dell’autore in dialogo con i docenti dell’Università degli Studi di Torino Davide Dalmas, Beatrice Manetti, Margherita Quaglino, Sabrina Stroppa e Massimiliano Tortora.

E tu aiutami aria/sostienimi vento dell’Ovest/aspettami mare

è la preghiera della rondine che, con il suo volo impazzito attraverso il vento, traccia il grande disegno in cui si inseriscono le poesie di Fabio Pusterla.

L’ultima raccolta, pubblicata, come gran parte della sua opera, da Marcos y Marcos, trova una nuova pace all’interno di un paesaggio spesso ostile e freddo, dove spuntano i primi germogli di speranza.

Il libro nasce sotto il segno dei quattro elementi, acqua, aria, terra e fuoco e, dalla comunione con una natura primordiale, ricava una parola benefica.

La poesia facilmente comprensibile, selvatica e luminosa del poeta svizzero ha, sin dall’esordio, una forte vocazione civile e un vigoroso senso della lingua poetica italiana.

Pusterla esordisce con la sua prima raccolta, “Concessione all’inverno”, nel 1985. I primi testi sono legati a doppio filo al Canton Ticino, suo luogo di nascita, ma, a partire dalla seconda raccolta “Bocksten”, il suo sguardo si volge verso tutto il territorio italiano con la casa editrice Marcos y Marcos.

Tre volte vincitore del Premio Schiller, del Premio Montale nel 1986, e del Premio Napoli nel 2013, Fabio Pusterla ha collaborato anche con Einaudi per cui ha pubblicato un’antologia di poesie del periodo 1985-2008, sotto il titolo “Le terre emerse”, con la quale nel 2009 ha vinto la sezione poesia del Premio Giuseppe Dessì.

Dal 2016 il suo rapporto con Marcos y Marcos si approfondisce e si fa più stretto con la collana di poesie Le Ali che Pusterla è chiamato a dirigere.

Fabio Pusterla nasce il 3 maggio 1957 a Mendrisio, nel Canton Ticino.

Dopo aver conseguito la laurea in Lettere moderne con Maria Corti all’Università di Pavia, intraprende l’attività di insegnante presso il Liceo Cantonale di Lugano 1 e l’Università della Svizzera italiana a Lugano, per poi tenere anche, per anni, alcuni corsi presso l’Università di Ginevra.

Il suo nome compare tra i fondatori della rivista letteraria “Idra” edita da Marcos y Marcos.

Collabora con giornali e riviste in Svizzera e in Italia.

Inoltre, ha diretto l’edizione critica delle opere di Vittorio Imbriani e pubblicato saggi e traduzioni.

Esordisce come poeta nel 1985 con la raccolta “Concessione all’inverno” edita da Casagrande Bellinzona, con cui suscita immediato consenso tra critici e poeti. Si succedono “Bocksten”, “Le cose senza storia”, “Pietra sangue”, “Folla sommersa”, “Corpo stellare” e “Argéman”, editi da Marcos y Marcos.

Dal 2016 dirige la collana di poesia Le Ali edita da Marcos y Marcos.

È oggi attivo come poeta, traduttore e saggista.

Il gruppo di lavoro sulla poesia contemporanea del Dipartimento di Studi umanistici dell’Università di Torino è attivo da una decina di anni.

Oggi vede la partecipazione attiva dei docenti Davide Dalmas, Beatrice Manetti, Margherita Quaglino, Sabrina Stroppa e Massimiliano Tortora.

Oltre ad avere organizzato un importante convegno sulla poesia italiana tra anni Settanta e Ottanta, accompagnato da varie pubblicazioni, dal 2013 ha iniziato una serie di incontri pubblici con i poeti (Magrelli, Pusterla, Testa, De Angelis, Insana, Fiori, Valduga, Frabotta), che hanno riscosso un grande interesse presso gli studenti e la cittadinanza.


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Peccati di gola

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST