fbpx


In occasione della celebrazione dei vent’anni dalla fondazione del Laboratorio Permanente sull’Arte dell’Attore, l’affermato e ragguardevole gruppo teatrale torinese ha deciso di autoprodurre, in collaborazione con la rivista Lexis, “In viaggio da XX. Riflessioni da vent’anni di ricerca sull’Arte dell’Attore” (euro 10,00 p. 107) pubblicato da Labperm, che il regista Domenico Castaldo ha scritto e curato con l’attrice Ginevra Giachetti.

Il volume ha richiesto un anno di lavoro impegnativo e complesso, che ha comportato tramite la selezione e raccolta di testi, la scrittura e riscrittura di articoli inediti, di analisi della società umana e artistica dalla prospettiva dell’attore, una simultanea autoanalisi, a tratti, si avverte anche sofferta, sulle proprie origini e radici, e la loro proiezione nel futuro, intesa come un’operazione alchemica evolutiva.

La forma del saggio, in effetti, serve strumentalmente a offrire a lettori e lettrici una prospettiva più ampia su quello che è stato ed è il ruolo dell’attore nella società, nella vita e nella Storia. Il libro si divide in quattro parti, strutturate filosoficamente in Etica, Logica, Retorica e Poetica, che costituiscono la sintesi della creatività in tutte le sue sfaccettature.

L’Etica, infatti, comprende domande profonde e costruttive sul ruolo di un cammino di ricerca sull’Arte dell’Attore nella realtà contemporanea. La Logica, quindi, include i testi di analisi politica, alcuni sono stati scritti in occasione di interventi pubblici sulla funzione degli attori nei nostri giorni. La Retorica comprende scritti che rispondono ad articoli pubblicati su riviste di teatro o a reazioni conseguenti alla visione di spettacoli. La Poetica contiene frammenti tratti dalle ultime creazioni del gruppo teatrale.

Il Labperm, attualizza, quindi, una visione rinascimentale dell’Arte dell’Attore, attraversando molteplici campi d’indagine (psicoanalisi, neuroscienze, teologia, fisica quantistica, musica, letteratura, poesia, chimica, biologia, filosofia, per citarne alcuni) che sintetizzano negli spettacoli incarnandoli nel corpo e nell’anima in una simbiosi costruttiva con spettatori e spettatrici, un interscambio da cui emergono le molteplici sfumature di realtà e società e, in ultima analisi, le loro possibilità di evoluzione o involuzione.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *



Continue reading

Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST