fbpx


La musica è un’arte universale, ma a volte può essere causa di morte.

Come è accaduto l’altra sera a Corinaldo in provincia di Ancona, quando un concerto genere “trap” si è trasformato in una tragedia senza precedenti in Italia, che ha visto morire cinque adolescenti e una donna, nonché decine di feriti.

Le cause materiali del triste evento sono ancora tutte da scoprire, anche se le immagini ampiamente diffuse dai soliti media-investigatori non lasciano spazio a ipotesi alternative al cedimento della balaustra, che crollando addosso alla folla assiepata appena fuori dal locale ha mietuto tantissime vittime.

Una ressa scatenata dal fuggi-fuggi generale verso l’esterno in preda al panico, aumentato anche dalla capienza abbondantemente superata della discoteca, dovuta a motivi ancora tutti da chiarirsi.

Le prime ricostruzioni parlano di un ragazzino che avrebbe deliberatamente spruzzato dello spray urticante al peperoncino sulla folla (lo stesso che avrebbe provocato il disastro di Piazza S.Carlo a Torino, durante la finale di Champions League dello scorso anno), non si capisce bene se per fare uno scherzo cretino agli altri avvenenti (pare che sia un’abitudine diffusa fra i teenagers…) oppure se istigato dal genere musicale che era protagonista del concerto in atto, ossia il trap.

Ovviamente non sono escluse altre piste, che gli inquirenti stanno ancora valutando.

Grandemente diffuso fra i più giovani soprattutto negli ultimi anni, il trap è caratterizzato da testi cupi e minacciosi, che inneggiano all’uso di stupefacenti, al sesso senza rispetto, alla criminalità e alla violenza: è termine di slang americano che sta per “spaccio di stupefacenti”, collegato ai locali preferiti dai pusher di Atlanta (trap house), interpreta uno stile parlato abbinato a sonorità pesanti, con effetti distorti e velocità raddoppiate, cui si intercalano rullate ad alti ritmi cardiaci.

Insomma, una musica ottundente che si avvale di melodie ripetitive e ipnotiche, di solito realizzate con potenti sintetizzatori digitali. Nulla di armonico, dunque, una derivazione del più classico rap che ha forma nelle sue variazioni Southern e Chunk. Roba da intenditori ed esperti… Si intuisce che si tratta di un genere depressivo, contagioso e sconclusionato.

Come si diceva prima, la musica è universale e non ha confini. A volte però bisognerebbe porli…


Le opinioni dei lettori

Rispondi

La tua email non sarà pubblicata. * Campi obbligatori



Maina

ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST