fbpx


Acqui Storia, si cambia. Il più prestigioso premio europeo dedicato ai libri di carattere storico sta procedendo ad una revisione dei criteri di partecipazione, perlomeno per ciò che riguarda la sezione Divulgativa. Sino ad ora potevano partecipare alla selezione solo i volumi che trattavano temi legati al periodo che iniziava con la Rivoluzione Francese.

D’ora in poi, se le indicazioni verranno confermate, non ci saranno più limiti temporali. Dunque potranno partecipare anche i libri di storia antica o dedicati al periodo medievale. In linea con quanto già previsto per la sezione del Romanzo storico, nata per iniziativa di Carlo Sburlati.

Dunque anche per la Divulgativa i libri su Mussolini, sempre presenti perché “tirano” di più, potranno essere affiancati da studi sugli Egizi, sui Greci, sul Rinascimento. Una scelta sicuramente intelligente che rafforzerà ulteriormente il prestigio di un premio sempre più internazionale. E che anche quest’anno, nonostante il minor numero di pubblicazioni a causa delle restrizioni imposte dal governo degli incapaci, ha visto comunque la partecipazione di autori di rilievo, consapevoli di partecipare ad un premio che, a differenza di altri, non ha già vincitori annunciati, imposti dalle case editrici o dal politicamente corretto.


Reader's opinions

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *




ElecTO Radio

Current track
TITLE
ARTIST