arrivano i Jetsons

Vota questo articolo
(1 Vota)
arrivano i Jetsons

Fin da bambino sono stato affascinato dal volo e i cartoni animati della mia infanzia hanno alimentato la visione di un futuro dove per spostarsi per la città invece di prendere la classica automobile si sarebbe potuto salire su un'auto-volante, un po' come faceva la famiglia jetsons nella sigla del famoso cartoon di Hanna e Barbera dove il capofamiglia pilotava questa navicella volante e spediva moglie e figli al centro commerciale o a scuola direttamente in volo. Beh se non siamo ancora arrivati a questo punto poco ci manca, perchè questa settimana è stato effettuato il collaudo del primo aero-mobile senza coda con decollo verticale, ed è andato anche bene!

Sto parlando del Lilium Jet, prototipo di aeromobile elettrico sviluppato dalla start up Lilium Aviation, azienda nata solo due anni fa ma che è riuscita in così poco tempo a collaudare la prima auto-volante elettrica, ok vi lascio il tempo per rileggere la frase per assimilarla bene, non me ne sto rendendo bene conto neanche anche io mentre scrivo queste righe, ragazzi è ufficiale, stiamo vivendo nel futuro.

In questo primo volo il pilota non era a bordo del veicolo ma bensì a terra e ha controllato l'apparecchio in remoto che ha prima effettuato il decollo verticale e poi ha proseguito il volo in orizzontale, questo primo jet per ora può essere utilizzato solo da due persone (pilota e passeggero) ma  in futuro sarà prodotto per poter trasportare cinque persone, infatti il fondatore della start up di Monaco, Daniel Wiegand ha dichiarato che stanno lavorando per creare un jet non per pochi facoltosi ma per fornire un servizio taxi per spostamenti rivolto a tutti, Wiegand infatti sogna un app che permetta di prenotare il proprio jet che atterrerà e decollerà in verticale così da poter recuperare i passeggeri anche in città infatti il Lilium jet non necessità di una pista per decollare.

Pensate a quanto tempo abbiamo buttato in coda in tangenziale, autostrada e in centro città imbottigliati nel traffico, molto presto questo sarà solo un brutto ricordo infatti il progetto di Wiegand è quello di realizzare un auto-volante che raggiunge i 300 km/h e con un raggio d'azione di 300 km, tutto questo grazie al basso consumo dei motori elettrici.

Ormai il primo passo verso il volo in città è stato fatto ora bisogna solo aspettare che qualcuno si inventi un pulsante che riduca il veivolo ad una capsula come faceva Bulma in Dragonball, così risolviamo anche il problema del parcheggio!

Alessio Sisci

aka Il Radioattivo

Letto 323 volte

Lascia un commento

EDITORIALI

  • 1
  • 2